Il tuo lavoro è la tua vocazione?

Oggi desidero riproporre un mio vecchio articolo, dedicato al significato del lavoro ed agli ingredienti fondamentali per essere motivati in qualsiasi attività ci stiamo impegnando.

Buona lettura,

Clara


Le persone non ispirate aspettano solo che finisca la giornata, mentre quelle ispirate stanno sempre bene e sono creative facendo il loro lavoro.
Le persone non ispirate aspettano solo che finisca la giornata, mentre quelle ispirate stanno sempre bene e sono creative facendo il loro lavoro.

Perché lavoriamo? Se è per soldi, allora vuol dire che coloro che guadagnano abbastanza per il resto della loro vita o che ricevono un’eredità, non dovrebbero fare alcun lavoro?

Prova a chiedere ai tuoi amici perché lavorano e sicuramente alcuni di loro ti risponderanno che lo fanno per denaro.

Se qualcuno che ha abbastanza soldi decide di non lavorare, sarà felice e contento?

Troviamo soddisfazione nella vita facendo le cose che riteniamo valga la pena. Se siamo sicuri che abbiamo fatto un buon lavoro, ci sentiamo la pace nel cuore. Ci dà la prova delle nostre capacità.

Cerchiamo di scoprire se ci sentiamo ispirati nel e con il nostro lavoro.

Come sapere se siamo ispirati in ciò che facciamo?

La prima domanda dovrebbe essere:

  • Sono fatto per questo lavoro? Ritengo che il mio lavoro sia adatto alle mie capacità?

In caso affermativo, la prima barriera all’ispirazione nel lavoro è già rotta. Ad esempio, una persona con il fisico debole troverà inadatto un lavoro da muratore.

  • Mi piace fare il mio lavoro? Alla fine della giornata sono felice, oppure stanco e irritato?

Se ti piace fare il tuo lavoro, nessuna quantità di duro lavoro ti stancherà completamente. In caso contrario, la tua frustrazione interiore di fare qualcosa che non ti piace fare ti stancherà in pochissimo tempo.

  • Penso che il mio lavoro migliori la vita degli altri?

Se in qualche modo puoi cominciare a ricevere questa sensazione, la tua ispirazione nel lavoro aumenterà senza alcun altro aiuto. Pensa a una persona, che ha fatto costruito un letto per una persona malata. Durante una visita, a questa persona viene riferito che il letto ha migliorato le condizioni di vita del malato e quanto questi ami il letto e ne ringrazi il costruttore.

La persona che ha fatto quel letto si sentirà estremamente soddisfatta per il suo lavoro.

Purtroppo, al giorno d’oggi, la maggior parte delle interazioni con i clienti vengono gestite dai dipartimenti di marketing, e le persone che lavorano per realizzare i prodotti non vengono in contatto con gli acquirenti.

Ci sentiamo tutti molto soddisfatti, se riteniamo che il nostro lavoro ha fatto sentire meglio qualcuno. Se la persona del marketing che fa buone vendite viene ringraziata da parte degli azionisti della società per il fatto che moltiplica i loro investimenti, essa sarà allo stesso modo felice.

Il punto è che ci sentiamo soddisfatti e ispirati se diamo gioia agli altri con il nostro lavoro.

L’ultima domanda per scoprire se siamo ispirati nel nostro lavoro potrebbe essere:

  • Esprimo la mia creatività nel mio lavoro?

Coloro che sono ispirati, esprimono creatività in qualche area del loro lavoro, perché vogliono migliorare la loro efficienza. Le persone non ispirate aspettano solo che finisca la giornata, mentre quelle ispirate stanno sempre bene e sono creative facendo il loro lavoro.

Se hai trovato un lavoro che ti ispira, sei molto fortunato, altrimenti è il momento di trovare la tua vera vocazione e trarne gioia e soddisfazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *