Parola di Clara

Mi chiamo Clara, sono una life coach e praticamente sono nata dietro il banco di un bar.
I miei genitori erano commercianti di successo, ed io bimba già a 6 anni facevo piccoli lavoretti che, secondo la mia percezione, mi rendevano importante agli occhi delle persone.

Il primo insegnamento recepito riguarda il servizio alla clientela.

Ricordo che all’epoca si diceva: “Il cliente ha sempre ragione!”.
Quella frase formata da sole cinque parole faceva miracoli, trasformava tutta la vita del gestore e dei suoi collaboratori.
Quella frase obbligava titolare e collaboratori a correggersi, a mettersi al servizio, a mettersi in discussione e a fare una auto-analisi per migliorarsi sempre, per stare in sintonia con il cliente, rispettandolo.

A volte ascoltavo i discorsi fra mia madre e mio padre, quando mia
madre voleva vendicarsi di una lamentela da parte del cliente, secondo lei, ingiusta! Mio padre, allora, cercava di capire il perché quel cliente si era lamentato… cosa aveva visto il cliente, come era stato servito, come era il prodotto che aveva acquistato da mia madre.
Ed io vedevo così chiara la figura del pacificatore oggi detto mediatore.

Gentilezza, sorriso, dialogo educato ed un po’ scherzoso, il piacere di fare piacere, di accontentare, di soddisfare le necessità e i desideri dei clienti, per rendere ineguagliabile il mio servizio e migliorare sempre più l’approccio al pubblico.

Offrivo tutto questo, e mi sentivo soddisfatta dalla gratitudine che mi rimandavano le persone.

Crescendo, negli anni ho affinato sempre più con entusiasmo i dettagli, facendo sempre attenzione a non interferire troppo nella vita privata altrui pur mantenendo un approccio improntato alla cordialità e alla confidenza.

E quanto più perfezionavo la mia comunicazione tanto più aumentava la fiducia della clientela nei miei confronti.