Quando mi andò quasi di traverso una brioche

“Se si escludono istanti prodigiosi e singoli che il destino ci può donare, amare il proprio lavoro… costituisce la migliore approssimazione concreta della felicità sulla terra”.
-Primo Levi, in Chiave a stella (1978)

 

In questi giorni che tradizionalmente sono quelli del rientro in città dalle agognate ferie estive, il mio pensiero è volato a qualche anno fa, quando per la prima volta ho sentito dire la parola faticare al posto di lavorare.

Mi trovavo nelle Puglie, per un seminario, e stavo gustando il primo caffè della giornata con una deliziosa brioche, che quasi mi andarono di traverso!

Nel bar c’erano degli operai, ed uno di loro annunciò agli altri: “Ora vado a faticare“.

Mi si chiuse la bocca dello stomaco, questa espressione suonava strana alle mie orecchie ed allora ne chiesi il significato al barista. Naturalmente, lui mi spiegò che voleva dire “vado a lavorare“.

Subito mi assalì una sensazione di stanchezza e di pesantezza, e come sempre la mia mente ha fatto immediatamente delle connessioni sul perché il lavoro non sia  considerato una ricchezza o un benessere ma è inteso come:

  • fatica,
  • dovere,
  • peso,
  • un tirare avanti per forza d’inerzia…

E ancora:

  • stancarsi,
  • sgobbare,
  • spossarsi,
  • esaurirsi,
  • soffrire,
  • sudare,
  • sforzarsi,
  • penare.

Il fardello evocato da quella espressione usata dall’operaio ebbe effetto anche su di me. Mi sono sentita subito stanchissima, con l’umore sotto i piedi e con un punta di voglia di tornarmene a letto finalmente a riposare

La mia giornata era già finita e rovinata, in più era come se dovessi subire un’umiliazione.

A questo punto mi sono domandata: “Come è possibile che fra tutti questi cittadini intelligenti nessuno abbia mai pensato al potere demoralizzante e distruttivo che ha questa parola?“.

Ho scoperto inoltre che questo vocabolo è diffuso in tutto il sud Italia.

Lavorare non è sinonimo di faticare!

Certo, non lo nego, esistono lavori e mansioni che possono costare della fatica fisica, e pure mentale…

E’ pur vero che la parola “lavoro” deriva dal latino labor (fatica), da cui a sua volta deriva laborare (operar faticando).

Non dimentichiamoci però che la radice sanscrita di labor è labh- che in senso letterale significa afferrare, e in senso figurato orientare la volontà, il desiderio, l’intento, oppure intraprendere, ottenere. (1)

E allora… Immagina che al posto di dire “vado a faticare” io dica “vado a produrre o a prosperare“…

Come mi sentirò pronunciando queste parole?

La parola produrre già ti mette in azione, ti sveglia, ti da la carica e la voglia di agire, muoverti per… o verso…

Ecco alcuni sinonimi:

  • creare,
  • generare,
  • dare,
  • fruttare,
  • fare,
  • elaborare,
  • costruire,
  • realizzare…

Anche la parola prosperare da subito l’immagine di:

  • guadagno,
  • ricchezza,
  • abbondanza,
  • crescita,
  • progredire/rsi,
  • potenziare/rsi,
  • sviluppare/rsi,
  • migliorare/rsi,
  • essere florido/i…

Quando si produce e si prospera non ci si stanca, anzi si ha sempre più voglia di crescere in creatività, in capitale, in intelligenza.

Non ci si sente stanchi, non ci si abbandona a frivolezze e a vizi che ci addormentano il cervello per dare la possibilità a che ci governa di fare la loro prosperità.

La parola lavoro è ormai consumata e intesa come sforzo, stanchezza e obbligo.

Un giorno ero in banca, aspettavo il mio turno quando è entrato un mio ex compagno di scuola che tutto felice mi disse: “Sai Clara, ho finalmente trovato un posto di lavoro!“. Io lo guardai un po’ meravigliata mentre che lui continuava: “Sai, la Repubblica Italiana è Fondata Sul Lavoro!“.

Immagini la mia risposta? “Ah si! Che peccato, pensa se la nostra bella Repubblica fosse stata Fondata sulla Prosperità e la Produttività?“.

Logicamente mi ha guardato come fossi una extraterrestre. 😀

Ne sono convinta.

Credo proprio che esistano vocaboli che ci inducono a schiavizzarci ed a portarci via l’energia e la voglia di fare con creatività, gioia e amore.

Auspico una bella riforma lessicale!

Se non per legge dello Stato da pubblicare sulla Gazzetta Ufficiale, che non sarebbe di facile attuazione, almeno a livello individuale potremmo farla a livello mentale, sostituendo nei nostri dialoghi interiori e interpersonali la parola economia con prosperità e la parola lavoro con produttività.

Buona riflessione,

Clara


(1) Definizioni riprese dalla dispensa universitaria Il lavoro nella storia, di cui suggerisco la lettura. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *